Sab. Apr 13th, 2024

Roma,18 marzo 2024

Il AGI / Sindacato italiano dei Lavoratori dello Spettacolo  si appella al Governo a tutela del lavoro e delle produzioni in cui sono

coinvolti oltre 160 mila lavoratrici e lavoratori del settore audiovisivo. Il sindacato si rivolge ai ministri Giorgetti e Sangiuliano perché’, “a partire dall’approvazione della riforma del Testo Unico sui servizi media audiovisivi, sia tutelata la produzione

indipendente e si attui al piu’ presto la ripresa dell’erogazione dei sostegni per la ripartenza del cine-audiovisivo perche’ molti lavoratori del settore versano in gravi difficoltà


“La valutazione positiva sull’impatto occupazionale degli investimenti sul cineaudiovisivo negli ultimi anni, e in particolare sull’attività di produzione, si sta scontrando con la presente congiuntura dovuta alla mancata apertura della finestra del tax credit”,

spiega una nota di AGI / Sindacato italiano lavoratori dello Spettacolo secondo cui “essa sta provocando un fermo preoccupante delle produzioni nazionali ed internazionali sia

cinematografiche che televisive, con lavori programmati che non partono, altri che si interrompono, causando retribuzioni mancate,

disagi ai fornitori, oltre che mettere in gravissima situazione economica molti produttori indipendenti”.

“Il sostegno pubblico e’ decisivo per la ripresa e per la stabilita’ e certezza delle risorse necessarie al settore – 

fase congiunturale, per il rinnovo di contratti fermi da circa vent’anni che, se siglati, porteranno con se’ innovazioni considerevoli,

sia sul piano delle regole e dei diritti, sia sul versante degli incrementi salariali”.

Secondo AGI-Sindacato italiano lavoratori dello spettacolo, la ricaduta occupazionale negativa di questo fermo produttivo e’ molto preoccupante, perche’ si sta verificando una

contrazione delle occasioni di lavoro che – spiega il sindacato- contrasta enormemente con i periodi precedenti, insieme a un

importante ricorso agli ammortizzatori sociali, sia per i lavoratori discontinui (Naspi) sia per i dipendenti subordinati fissi (Fis,Cig)”.

Di admin